10 dic 2013

LA CITTA' DI DICEMBRE

A circa 2 settimane dal solstizio d'inverno, ora le giornate sono più corte.
Uscita alla terrazza di un centro commerciale di centro di Osaka, inaspettatamente ho trovato un tramonto.
Dentro c'era l'atmosfera chiassosa e la confusione tipiche di questo periodo in vista delle feste, ma qui c'erano poche persone e l'aria fredda ma limpida. Ho potuto ammirarlo tranquillamente.
Poi subito si fa buio.
Anche se detesto la folla, la città illuminata era meravigliosa e ci rallegra così che la nostra passeggiata si allunga...
Ed è la vera atmosfera di fine anno anche la facciata del teatro di Kabuki di Kyoto coperta dalle tavole di legno su cui sono scritti i nomi degli attori.
Dalla fine di novembre e alla fine di dicembre si tiene il programma di Kaomise che è il primo appuntamento della stagione.
I caratteri con cui sono scritti i nomi degli attori sono caratteristici. Sono folti e arrotondati che augurano un gran successo del programma con gli spettatori abbondanti.
Il Minamiza (con la facciata "normale") è il teatro più antico in Giappone (fondato nel 1610) e il Kabuki è una forma teatrale tradizionale giapponese ed fu nato proprio a Kyoto.

L'origine di Kabuki è una danza che Izumo no okuni eseguì qui, sulle rive del fiume di Kamo nel 1603, proprio davanti al teatro Minamiza.
Faccio una pausa con le torte molto carine a forma di fungo della cioccolatiera Caffarel.
Le torte di cioccolata con mousse al lampone o all'arancia erano anche molto buone!

Anche in questi giorni frettolosi di dicembre, tra le grandi pulizie, le spese, i biglietti di auguri e gli appuntamenti vorrei trovare un attimo di riposo...

17 commenti:

Ariano Geta ha detto...

Molto suggestive come sempre le tue fotografie i tuoi post. Nel tuo caso hai pure il vantaggio che Osaka e Kyoto offrono tante vedute interessanti. Sarei curioso di assistere a uno spettacolo del teatro Kabuki, anche se purtroppo non ho la preparazione culturale per capirlo pienamente.

Cristina ha detto...

Quante luci e quanti colori anche da voi... Mi piacerebbe prendermi un minuto di pausa e trascorrerlo con te a mangiare dolcetti a forma di fungo :)

Nyu Sumeragi ha detto...

Che belle luci.. si respira l'aria natalizia! xD

AnnMeri ha detto...

Mi piace l'atmosfera natalizia e sarebbe bello passeggiare per quei viali!
Quei dolcetti sono proprio invitanti! ^^

Giulia Pulerà ( GIULYBLADER ) ha detto...

ciaooooo! grazie per il complimento e la tua visitina! :D
mammmmaiaaaa che belle fotooooo!!! :D

Murasaki ha detto...

Che belle foto, grazie per aver condiviso con noi questa atmosfera festiva!!

Strawberry ha detto...

Che belli gli alberi in festa!
Deve essere un periodo pieno ma vedrai che riuscirai a trovare un momento di riposo...
quelle tortine sono meravigliose! :-)

l'onorevole carpa ha detto...

Questo periodo, le città diventano più vive e belle ;D
E Osaka è davvero bellissima ;9

Grazia ha detto...

Ho visto il Teatro senza decorazioni natalizie e ho le sue foto ma così è davvero particolare ! Gli alberi erano già decorati così solo nella via Omotesando a Tokyo quando sono partita e ho desiderato davvero di poter rimanere fino al Natale per vedere come voi lo festeggiate e se lo festeggiate. Chissà quali sono i dolci del momento ? Ma ti seguirò sperando che tu ce ne parli. Grazie per le belle foto comprese quelle degli aceri post precedente !!!

Scarlett R. Murella ha detto...

Titti le foto di Osaka sono bellissime, con queste luci scintillanti e natalizie!

C'è freddo in Giappone?
Qui in Sicilia non c'è alcun freddo di neve, siamo di nuovo con temperature troppo alte per la stagione!
Com'è possibile che stia arrivando il Natale? Il tempo è volato...

I dolci sono belli e sembrano buonissimi.... non pensavo che ci fosse Caffarel in Giappone!!!

Un bacione

Carlo ha detto...

Cara Titti, Carpe diem. Saluti toscani

Beatris ha detto...

Scatti meravigliosi con dentro una forte atmosfera natalizia che riempie i cuori!
Buona giornata e un abbraccio da Beatris

Pupottina ha detto...

anche se fa buio presto le foto sono stupende.
belle anche quelle tortine ;-)

A.H.V. ha detto...

Mi ricordo di aver letto in un'opera di Junichiro Tanizaki che la differenza fra il Kabuki ed il Noh poteva essere rintracciata attraverso l'importanza delle luci di scena e conseguentemente del trucco del viso (più vistoso nel Kabuki); Tanizaki contestualizzava questa differenza in seno ad una critica all'occidentalizzazione del Giappone e quindi all'imporsi in modo sempre più invadente 'dell'impero della luce' che cozzava con il culto dell'atmosfera soffusa propria della cultura giapponese, ponendo quindi il teatro Noh in posizione più elevata rispetto al Kabuki. Non so come effettivamente questo venga percepito da voi, ma mi ricordo che questa speculazione mi aveva molto affascinata (e tutto il testo è molto, davvero molto interessante - è il Libro d'ombra!).

Pupottina ha detto...

ciao Titti
buon Natale ricco di gioia, serenità e regali graditi

L angolo della casalinga ha detto...

Non credo di riuscire a ripassare di qui prima dell'arrivo delle feste, quindi ne approfitto sia per farti i complimenti per questo bel post che per farti i miei migliori auguri di un FELICE NATALE e SERENO ANNO NUOVO. Leggerti è sempre un piacere, come conto sia un piacere per te passare di tanto in tanto nel mio blog. Un abbraccio, Monica

Titti ha detto...

@ Ariano Geta,
grazie. Ma c'e qualche programma facile...

@ Cristina,
sarà bellissima anche la città di Udine...

@ Nyu,
mi manca quella italiana...

@ AnnMeri,
anche a me piace, e ora mi manca molto quella italiana...

@ Giulia Puòerà,
grazie.

@ Murasaki,
sarà bellissima anche la tua città...

@ Strawberry,
mi manca il Natale italiana...

@ l'onorale carpa,
sarà bellissima anche la sardegna di questo periodo...

@ Grazia,
sono contenta!

@ Scarlett,
beata te, qui il grande freddo è arrivato!

@ Carlo,
grazie "...quam minimum credula postero"

@ Beatris,
grazie!

@ Pupottina,
garzie!

@ A.H.V.,
poi ora il Kabuki è più popolare e il No è più classico (per me un po' noioso)...

@ l'angolo della casalinga,
grazie!