11 giu 2018

TOSCANA 2018 - 2

Le nostre vacanze continuano... anche se i suoi ricordi sono diventati sempre più lontani...

La mattina presto abbiamo passeggiato con calma e a sazietà in centro storico di Colle di Val d'Elsa,

Era la mattina presto e non c'era nessuno in giro.

Arnolfo di Cambio fu nato in questa città. Mi vergogno, ma non sapevo questo grande architetto che progettò il Palazzo Vecchio di Firenze e tanti altri.
Era veramente piacevole, passeggiare nell'aria fresca di mattina presto.

Il palazzo Campana che affaccia sul ponte omonimo che collega il Castello e il Borgo di Santa Caterina. 

Una via molto caratteristica...

I fiori di glicini, in Giappone non ho potuto vederli in tempo, ma qui!

Da Colle bassa si può salire fino a qui con l'ascensore, ma anche a piedi. E la via che collega queste due parti è molto suggestiva anche se è molto ripida.

Poi siamo arrivati a Monteriggioni che è un borgo medievale completamente circondato da una cerchia muraria con 14 torri. 
La piazza che si trova in centro del paese.

Per girare Monteriggioni bastano pochi minuti. Ma il borgo è grazioso nonostante le sue origini della fortificazione, un avamposto senese contro Firenze. 

A Certaldo alto, con mio papà sono salita a piedi, mentre mio marito e mia mamma con funicolare. 
Il panorama che abbiamo goduto per strada era stupendo.
Il borgo ha conservato un'atmosfera medievale e caratteristica.

Il Palazzo Pretorio la cui facciata è coperta dai vari stemmi.

Mi piacciono queste cose... gli affreschi sotto la Loggia.

I panorami stupendi che si affacciano inaspettatamente tra i vicoli o i palazzi erano indescrivibili...

La casa dove fu nato Boccaccio nel 1313 è adesso la biblioteca e la sede del centro studi.
Abbiamo visitato anche le città più grandi come Pisa, Siena, Firenze e Roma (per farle vedere a mio papà) ma erano molto affollate dai turisti e ci siamo stancati anche solo di spostarci. Mentre quei borghi più piccoli erano tranquilli e graziosi, e abbiamo potuto rilassarci con calma e con serenità.. 

28 mag 2018

TOSCANA 2018

A Lucca sono tornata dopo 17 anni.
Come l'altra volta, quando sono arrivata davanti a questa mura che accerchia tutta la città, sono stata sopraffatta dalla sua imponenza.
Il percorso sopra le mura è la passeggiata pedonale. E' uno spazio veramente piacevole...
Il Duomo, la torre d'orologio, quella con le lecci sopra, le chiese... a Lucca ci sono tante cose belle, ma il posto mio preferito è questa piazza.
Fu edificata sui resti dell'antico anfiteatro romano. La sua forma ellittica è caratteristica e ci ricorda i tempi antichi...
La facciata con le colonnine della chiesa San Michele era bellissima, e la statua dell'Arcangelo Michele, secondo una leggenda, al dito della statua c'è un diamante eccezionale che di notte si può vedere brillare...
Il bellissimo mosaico della Basilica di San Frediano, poi non ci è mancato quel "Buccellato".
Poi siamo arrivati a San Miniato.
E' davvero grazioso questo paese sorto su un colle. Qui il Papa Clemente Ⅶ vide Michelangelo e gli dà l'incarico di affrescare la Cappella Sistina.
Da qualche parte avevo visto le foto di questo palazzo del seminario e volevo venirci. Era un posto tranquillo e bellissimo.
Invece Volterra era molto affollata e abbiamo avuto difficoltà di trovare il posto da parcheggiare. Essendo sabato tra i ponti di fine aprile e d'inizio maggio, i parcheggi erano tutti pieni. Dopo aver fatto un giro intorno della città finalmente abbiamo trovato un posto qui, al parcheggio Docciola.
Da qui, dalla fonte di Docciola siamo saliti per una scalinata di 251 scalini che ci porta alla città.
La scala è un po' lunga... sopratutto per gli anziani... però era una bella passeggiata per me.
Oltre a visitare tanti reperti archeologici come il teatro romano e l'Acropoli etrusca, passeggiata semplice per le vie medievali del centro ci riporta indietro nei tempi.
Volterra è conosciuta anche per l'alabastro. La sua lavorazione tramandata di generazione in generazione è meravigliosa.
Il palazzo dei Priori è il più vecchio municipio di tutta Toscana. Fu costruito sul modello di Palazzo Vecchio di Firenze. 
Di fronte c'è il palazzo Pretorio con il torre Porcellino.
Ecco la figura di un porcellino.
E poi il paesaggio della splendida natura ci ha affascinato.
Prima di partire, secondo la previsione del tempo si prevedeva il brutto tempo per questo periodo. Invece abbiamo avuto la fortuna di aver un bel tempo (a parte un giorno a Roma) e per strada ci siamo fermati più volte per ammirare quei paesaggi...

L'ARTE DI ESSERE FRAGILI

E' un libro scritto da Alessandro D'Avenia su Giacomo Leopardi. E' un libro epistolare, e con le lettere rivolte a Leopardi frapposte tra le frase tratte dai libri, dalle poesie e dalle lettere di questo grande poeta segue la sua vita, dall'adolescenza alla morte.
Me ne vergogno, quasi non lo sapevo, ma in genere potrebbe essere conosciuto non molto positivamente... Infatti nella sua vita ha sofferto tanto la mancanza dell'amore dei genitori, la solitudine e la sua infermità. Ma come lo definisce D'Avenia era un giovane affamato di vita e di infinito, capace di restare fedele alla propria vita e di infinito, capace di lottare per affermarla, nonostante l'indifferenza e perfino la derisione dei contemporanei.
In realtà, ha continuato a lottare fino alla sua morte, attraverso le poesie ha lottato per farsi strada nella vita. In questo libro lo si capisce bene.
E' un libro non scorrevole, ma edificante e anche commovente.

Anch'io vorrei essere "una cacciatore di bellezza, intesa come pienezza che si mostra nelle cose di tutti i giorni a chi sa coglierne gli indizi"...
Ora che è la stagione del nuovo tè verde, ci sono tanti dolci al tè verde.
La gelatina del tè verde è mia preferita...
Ancora la stagione sta procedendo in anticipo. Quest'anno non ho potuto pienamente godere le foglie nuove che mi piacciono... sono diventate tutte folte e scure in un momento... e fra poco anche la stagione delle piogge arriverà in anticipo...

13 mag 2018

VACANZE IN TOSCANA

Dopo circa un mese scrivo questo nuovo posto.
Ad Aprile sono stata molto occupata e quasi non mi ricordo come l'ho trascorso... e poi alla fine del mese siamo partiti per le vacanze in Toscana.
I paesi che abbiamo visitato erano tutti graziosi, ma i paesaggi che abbiamo visto dal finestrino dell'auto erano eccezionali, e sopratutto il colore verde misto a giallo di piccoli fiori mi resta impresso nella mente.
Il tappetto verde che si estende... è difficile scattare le foto quando l'auto procede...
Il campo era dappertutto piena di piccoli fiori...
Non mi stancherò mai di ammirare questi paesaggi...
Poi quella passeggiata mattutina era piacevole e indimenticabile...

Stavolta abbiamo viaggiato con i miei genitori anziani e abbiamo viaggiato piano piano, ogni tanto fermandoci per fare una pausa... è stato un po' difficile per noi viaggiare a un ritmo diverso, ringrazio mio marito che ha avuto tanta pazienza, ma comunque sono contenta che i miei genitori sono soddisfatti...