09 lug 2008

IL SUMMIT

Il summit dei G8 che si e' tenuto a Toyako nell'isola di Hokkaido, in Giapponein si e' concluso oggi pomeriggio. Senza gli attacchi terroristici per fortuna, ma senza quasi nessun risultato. Il governo ha pianificato una spesa di oltre 60 miliardi di yen per l'organizzazione del summit. La metà va per le misure di sicurezza, per blindare il luogo della riunione, ma anche Tokyo ed Osaka...
Il summit che ha cominciato 35 anni fa per risolvere la crisi petrolifera di quell'anno, ormai non ha significato?
I capi di stato hanno discusso per tre giorni della crisi economica mondiale, dell'aumento del prezzo degli alimenti, della crescita vertiginosa del costo del petrolio e dei mutamenti climatici.
Ma davvero hanno potuto discutere della crisi degli alimenti avendo le cene magnifiche o i pranzi sontuosi? Possono immaginare i popoli dei paesi in via di sviluppo che soffrono la fame?
Perche' nessuno non ha posto sul tavolo il problema del Tibet, nonostante che qualche mese fa tutto il mondo ha accusato il comportamento crudele del governo cinese per sopprimere i popoli tibetani. Perche' la Cina ha chiesto anticipamente di non parlare di questa problema al governo giapponese che e' padrone di questa riunione, e tutti l'hanno accettato.
Ma li' la situazione non e' cambiato per niente, stanno continuando a reprimere i tibatani ancora adesso. Perche' tutti l'hanno dimenticato? E' strano.
Poi non hanno parlato dei giapponesi rapiti dalla Corea del Nordo circa 30 anni fa... Mi dispiace davvero...
D'altra parte qui eravamo curiosi delle first lady, come si sarebbero vestite, come si sarebbero comportate...? anche se Veronica e Carla non sono venute.
E questo rinuione e' cominciato proprio il giorno di Tanabata e tutti i capi e le loro moglie l'hanno feteggiato la sera e hanno appeso i biglietti dei messaggi ai rani di bambu'.
Per inciso, Berlusconi ha scritto "Desidero il futuro speranzoso, tranquillo e ricco per i bambini in tutto il mondo".

Nessun commento: